Tuili è un piccolo centro della Sardegna, situato ai piedi dell'altopiano della Giara nella Marmilla. Il territorio di Tuili fu abitato sin dall'età prenuragica. la presenza umana è testimoniata dai numerosi resti sul ciglio dell'altopiano e nelle campagne circostanti, attualmente conservati nel Museo di Cagliari. In località Santa Elisa è infatti presente un'officina per la lavorazione dell'ossidiana. Sull'altopiano della Giara, in zona Nuridda, sono inoltre presenti resti di insediamenti risalenti ad epoca punico fenicia, mentre nella zona Santa Elisabetta si notano resti di un insediamento risalente ad epoca romana. A differenza dei centri vicini, a Tuili è possibile notare una netta distinzione tra la casa del ricco proprietario, la casa a corte e la umile casa contadina. La casa padronale, spesso di antica nobiltà spagnola, presenta i caratteri tipici delle strutture della zona, ma con una cura dei particolari finalizzata a esplicitare lo status sociale dell'abitante.

Meritano una visita la bianca chiesa di Sant'Antonio, costruita con una architettura di stile spagnolo coloniale, avvolta in un ampio muro di cinta, la parrocchiale di S.Pietro, gli eleganti edifici neoclassici, come la Villa Pitzalis, progettata da Gaetano Cima, e Villa Asquer. All'interno della parrochiale di San Pietro apostolo si può ammirare il celebre retablo del Maestro di Castelsardo. Il paese è il punto di partenza per le escursioni guidate al parco della giara di Gesturi, inoltre a Tuili è possibile visitare l'interessante parco tematico della Sardegna in miniatura.