Una torre quadrangolare alta 13 metri, che poggia su due piani sottostanti, si staglia come una sentinella del mare nella costa nord-orientale della Sardegna, affacciata sulle Bocche di Bonifacio. È il caratteristico faro di Punta Sardegna, località turistica nel territorio di Palau, da cui dista un chilometro, esattamente quanto la suggestiva Porto Rafael. La costruzione del faro risale al 1913, realizzata dal Genio Civile. Dopo decenni di abbandono, dal 1995 ospita l’Osservatorio Coste ambiente naturale sottomarino (Oceans). Una delle sue particolarità è che la lanterna sorge sopra uno dei terrazzi e non sulla torre.

Dal faro la vista si apre sull’isola di Spargi e su Cala Corsara. Vicino c’è la Batteria di Monte Altura, fortificazione risalente al 1800, che grazie all’ottimo stato di conservazione è aperta alle visite guidate mentre, nella stagione estiva, ospita concerti e manifestazioni culturali. Da Punta Sardegna si raggiunge l’insenatura di Cala Trana con il suo piccolo arenile. Proseguendo verso occidente, invece, ecco l’insenatura di rocce calcaree di Poltu Cuncatu.

Attorno alla punta sono rimaste intatte le caratteristiche naturalistiche e paesaggistiche di un tratto di costa che si affaccia sull’arcipelago della Maddalena: questo è il punto migliore per osservarlo. In tutta la zona sono presenti servizi attrezzati per balneazione ed escursioni in mare per amanti di snorkeling e immersioni. Vista la vicinanza con i villaggi turistici della Costa Smeralda, potrai alloggiare in strutture esclusive in perfetta armonia con l’ambiente.