Al suo interno ripercorrerai il ‘viaggio’ compiuto dal lino, a partire dalla sua coltivazione, passando per le varie fasi di lavorazione fino alla realizzazione dei tessuti e al confezionamento di meravigliosi abiti tradizionali. Il museo del costume tradizionale e della lavorazione del lino si trova a Busachi, paese della regione storica del Barigadu, che vanta una radicata tradizione relativa ai costumi: è uno dei pochi luoghi della Sardegna dove si continua a indossarlo nella vita quotidiana. L’esposizione trova posto nei locali della chiesa sconsacrata di san Domenico, risalente al XVI secolo, un tempo parte di un monastero domenicano, non a caso, è nota localmente come su cunventu.

La qualità del lino busachese era celebre fin dal XIX secolo, come riportato in testimonianze di autori quali Alberto Della Marmora e Vittorio Angius. Fino alla diffusione del cotone e dei tessuti industriali, l’economia del borgo si fondava principalmente sul commercio di tessuti e abiti di lino, realizzati dalle donne del borgo. Oggi tale arte sopravvive in poche abitazioni, dove sono confezionati oggetti e manufatti, come i fazzoletti portati al capo dalle anziane del paese. Visitando il museo ammirerai gli abiti, maschili e femminili, usati nelle varie fasi della vita, dai momenti più importanti – cerimoniali e festivi - a quelli quotidiani, passando per gli abiti che si indossavano durante i periodi di lutto e i costumi di neonati, fanciulli e adolescenti. In un’apposita sezione del museo, ricavata nella cappella laterale e nella sacrestia, approfondirai la conoscenza sul processo produttivo del lino, dal fiore al manufatto finito.

In mostra sono, inoltre, gli strumenti necessari alla lavorazione: aratri, mazze e gramole per battitura e sfibratura degli steli, pettini, fusi, orditoi e telai. A conclusione del percorso sono esposti manufatti realizzati interamente in lino locale, con suggestivi ricami. Il museo è attivo nell'organizzazione di progetti e laboratori, il fine è tramandare conoscenze e abilità manuali, per mantenere vivo il patrimonio culturale legato alla lavorazione del lino. Potrai ‘immergerti’ pienamente nelle tradizioni busachesi visitando il museo nelle giornate in cui si svolge la sagra de su succu, il piatto tradizionale del borgo, a base di sottili fettucce di pasta essiccata, cotta nel brodo di carni miste e condita con casu axedu, formaggio secco e zafferano. Alla sagra è associata la celebrazione dell’antico matrimonio busachese, preceduta dalla cerimonia de su presente: un corteo di donne in abiti tradizionali sfila per le vie del paese, portando nei cesti pane, dolci e la pasta per preparare il piatto tipico, degustato al termine della cerimonia tra musiche e balli.