Il Monte Pulchiana, è il monolite granitico più grande della Sardegna, situato su un altopiano della Gallura settentrionale, a 550-673 sul livello del mare. Si tratta di un inselberg che ha avuto origine dal disfacimento della roccia per un processo di idrolisi. Ha una caratteristica forma tondeggiante, "a panettone" ed è parzialmente coperto da macchia bassa e rada. la superficie rocciosa ha un colore giallo-rosato dovuto a processi di ossidazione. Il monte Pulchiana è inserito tra i monumenti naturalistici della Sardegna e per la sua caratteristica forma dà vita ad uno scenario di notevole fascino e suggestione. Si inserisce infatti in un paesaggio granitico la cui spettacolarità non trova riscontro in altre aree dell'isola: tafoni, thor, cataste di blocchi, a cupola. Il manto vegetale è caratterizzato da macchia e boschi di sughera (Quercus suber). Caratteristico del Monte Pulchiana è il pianoro di Lu Parisi, coperto in gran parte da cisto. È in parte terreno di pascolo e nei mesi piovosi diventa anche paludoso. Vicino a questo pianoro è possibile vedere una strada sterrata aperta che veniva utilizzata per trasportare grossi blocchi di granito provenienti da una cava ora abbandonata.