Il neoclassicismo sassarese tra musica e preghiera

Cattedrale di San Nicola, particolare della facciata - Sassari

Il neoclassicismo sassarese tra musica e preghiera

A Sassari ogni declinazione del neoclassicismo, dagli equilibri formali della statuaria religiosa alle architetture civili, racconta di episodi che hanno segnato la storia cittadina
forme e decorazioni tipiche del XIX secolo, dalle chiese al teatro

Un breve itinerario con quattro tappe: oltre ai famosi arredi conservati all’interno della cattedrale di san Nicola, la cultura neoclassica è ben rappresentata nel capoluogo del capo di Sopra dalla pregevole architettura del Teatro civico e da parti di altri due santuari cristiani: l’interno della chiesa medioevale di santa Maria di Betlem e la più recente chiesa di san Giuseppe

Percorso: 1,7 km 

Tempo di percorrenza stradale: 00h05

Cattedrale di san Nicola

La cattedrale sassarese è un forziere di tesori neoclassici. Sul lato sinistro del transetto si trova il monumento funebre di Placido Benedetto conte di Moriana, realizzato dallo scultore Felice Festa nel 1807. È composto da un triangolo di marmo grigio e da un sarcofago in stile greco con medaglione recante un’effigie del nobile. Ai lati ci sono due statue, simbolo della Fede e della Sardegna, e un genio con bandiera ripiegata, dotato di elmo, scudo e corazza. L’altare del santissimo Sacramento (1838) è una struttura che rivela uno stile tardo barocco, adornato da statue di gusto neoclassico. Il pulpito neoclassico, realizzato nel 1840 da Giuseppe Gaggini, ha forma ellittica, è sostenuto da tre grandi mensole e ornamenti fitomorfi. Il parapetto è diviso in specchi da piatte paraste doriche (di stampo ovviamente neoclassico), che inquadrano bassorilievi con i profili dei quattro evangelisti.
Cattedrale di San Nicola - Sassari
La chiesa più importante della seconda città della Sardegna, nel nord-ovest dell’Isola, è una mescolanza di stili e decorazioni, eredità di una...

Teatro civico (Palazzo di città)

È un grande esempio di architettura neoclassica, edificato in via Vittorio Emanuele II nei primi dell’Ottocento su progetto dell’architetto Giuseppe Cominotti. La facciata è una raffinata parete conclusa da un frontone triangolare e divisa da lesene ioniche. Il lato che si affaccia in via Satta è ornato da una torretta cilindrica decorata con festoni e ghirlande. Nella parte mediana si apre l’accesso all’atrio: qui si trovano due sculture raffiguranti i grandi autori di opere teatrali, Alfieri e Goldoni, realizzate nel 1829 da Francesco Orsolino. L’interno, con pianta a ferro di cavallo, risulta ispirato al teatro Carignano di Torino.
Teatro Civico, facciata esterna - Sassari
Al centro di Sassari, capoluogo del nord Sardegna, sorge una bella espressione architettonica neoclassica, un tempo sede della municipalità, oggi...

Chiesa di santa Maria di Betlem

È di origine medioevale, edificata insieme al convento benedettino nel 1106 per volontà del giudice Costantino. All’interno conserva i grandi candelieri votivi di legno intagliato che il 14 agosto di ogni anno vengono portati in processione dai rappresentanti dei gremi in costumi del XIX secolo, in occasione della celebre Discesa dei Candelieri, la festa più sentita dai sassaresi. La facciata si articola in tre parti: la zona inferiore, con il portale ornato da archetti pensili, risale al 1236-1238; i due registri soprastanti, dove spicca un grande rosone sovrastato da un timpano, si devono alla ricostruzione compiuta nel 1465. L’interno della chiesa è frutto della ristrutturazione compiuta da fra’ Antonio Cano tra 1829 e 1834, insieme al presbiterio ricco di statue, rilievi e pitture in stile classico. Vedrai le cappelle doriche, dei Muratori e le sei appartenenti agli altri gremi, in stile barocco.
Santa Maria di Betlem, Candelieri - Sassari
La chiesa più antica di Sassari, capoluogo del nord Sardegna, è una multiforme sintesi di stili sovrapposti, che custodisce i gremi della Discesa...

Chiesa di san Giuseppe

Costruita tra 1884 e 1888 dall’architetto sassarese Francesco Agnesa, ha un’impronta chiaramente classica fin dalla facciata che, nelle alte colonne su piedistalli, ricorda le creazioni del grande architetto Andrea Palladio. Sopra il portale appare lo stemma dell’arcivescovo Marongiu Del Rio, che promosse l’opera. All’interno ammirerai un’ampia aula coperta a botte, con cappelle laterali dotate di altare.
Chiesa di san Giuseppe - Sassari
Nacque a fine XIX secolo un fulgido esempio di stilemi architettonici neoclassici di Sassari, capoluogo del nord Sardegna

Mappa dell'itinerario

Potrebbero piacerti anche

Altri articoli che potrebbero interessarti