Otto chilometri di spiagge, uno dei più lunghi dell’Isola, in cui si alternano tratti sabbiosi dai toni chiari e ciottolosi dai colori più accesi. La marina di Cardedu è una lunghissimo litorale dell’Ogliastra meridionale, protetto alle spalle da una distesa di eucalipti, che si affaccia sul mare limpido con sfumature azzurre e verde smeraldo. Grazie alle notevoli dimensioni il litorale non è mai troppo affollato, neanche in alta stagione, mentre per posizione è esposto ai venti di scirocco che lo rendono meta di surfisti. Il fondale rapidamente profondo è ideale per immersioni e snorkeling. Il paesaggio circostante è selvaggio e affascinante, sullo sfondo si stagliano i rilievi del Monte Ferru, ricoperti di macchia mediterranea e degradanti verso il mare con scenografiche scogliere.

A nord della marina di Cardedu c’è la spiaggia di Foddini, dalla sabbia con riflessi dorati e con un curioso laghetto adiacente. Ancora più a nord, senza soluzione di continuità, inizia la costa di Barisardo. Verso sud, oltre la spiaggia principale della marina, ecco Museddu, dove la sabbia è altrettanto chiara ma un po’ più grossa. I riflessi azzurri del mare creano un suggestivo effetto cromatico col verde che circonda la costa. L’ampio arenile permette rilassanti camminate e passeggiate a cavallo. Il fondale profondo è frequentato da appassionati di pesca subacquea. Proseguendo ancora più a sud ecco la spiaggia di Perd’e Pera: qui rocce di porfido rosso iniziano a decorare il paesaggio, la sabbia è bianca e fine, il mare regala tonalità tra il blu e il verde smeraldo. Alle spalle la pineta di eucalipti, dà riparo nelle ore più calde. In spiaggia troverai tutti i servizi, stabilimenti balneari, punti ristoro e noleggio piccole imbarcazioni.

Le scogliere rossastre prendono nettamente il sopravvento al confine con la marina di Gairo, concedendo tratti selvaggi e calette mozzafiato: l’ultimo tratto di Cardedu è la spiaggetta, che si caratterizza per ciottoli scuri e scogli affioranti; poi arrivano gli incanti di Gairo Sant’Elena, Su Sirboni e Coccorocci. La prima, al termine di un sentiero immerso nella macchia, ti offrirà sabbia chiara e soffice e mare turchese dal fondale basso. La seconda è un trionfo di colori: ciottoli variegati, acqua blu intensa, scogli di porfido rosso e ginepri verdeggianti.