Una stupenda baia lunga tre chilometri nella parte orientale del golfo degli Angeli, caratterizzata da tre spiagge di sabbia bianca, contornate da promontori coperti di macchia mediterranea, e da un mare dalle infinite tonalità azzurre. Geremeas è una località turistica del sud Sardegna, appartenente ai comuni di Quartu Sant’Elena e di Maracalagonis, centri da cui dista poco più di venti chilometri. Il limite tra i due territori è il fiume omonimo, riu Geremeas, che durante l’inverno aumenta notevolmente la portata sfociando a mare, d’estate si riduce creando a ridosso del litorale, un piccolo stagno.

La prima spiaggia è Kala ‘e Moru (approdo del saraceno), nel territorio di Quartu: un arenile di piccolissimi granelli dorati lambito da mare limpido dai colori cangianti e dal fondale sabbioso. Nella collina sopra la spiaggia sorge un ampio villaggio turistico, che il promontorio Bruncu de su monte Moru separa dalla magnifica cala di Mari Pintau. Più a est incontrerai le altre due spiagge di Geremeas, divise tra loro dal fiume: Marongiu con sabbia chiara e sottile e Baccu Mandara, nel territorio di Maracalagonis, con sabbia color oro, morbida e a grana leggermente più grossa, scoscesa in riva. Si immerge in un mare cristallino tra il verde e il turchese, il cui fondale raggiunge è subito profondo. Dietro spiccano dune contornate di verde. Proseguendo nella strada litoranea incontrerai un’altra famosa località di Maracalagonis, Torre delle Stelle.

Le spiagge di Geremeas sono accessibili a diversamente abili, dotate di ampio parcheggio e servizi: noleggio attrezzatura balneare e natanti, punti ristoro e strutture ricettive. Quando soffia il maestrale la baia diventa meta di kite e wind surfisti. Alla sera ti godrai comodamente splendidi tramonti con il sole che lentamente, in lontananza, si ‘nasconde’ dietro Cagliari. Nel vicino entroterra, abbinerai mare a natura e archeologia: troverai interessanti siti archeologici e il parco dei Sette Fratelli.