A Cagliari, nel quartiere di Castello, si trova l’antica sede del Regio arsenale di epoca sabauda, oggi divenuta, attraverso una complessa opera di ristrutturazione iniziata nel 1950, la Cittadella dei Musei, il maggior complesso museale della Sardegna. Una completa immersione nei tesori archeologici, storici e artistici isolani, alternata a scorci indimenticabili su città e costa.

Nel complesso di edifici che la compongono, spiccano il museo Archeologico, un viaggio all’indietro nel tempo dall’epoca preistorica a quella bizantina, tra dee madri, bronzetti nuragici e gioielli fenici, e la Pinacoteca nazionale, che ospita varie collezioni. Il ‘preludio’ è il museo etnografico, dove rimarrai sbalordito da manufatti e gioielli sardi della collezione Cocco. Addentrandoti nella Pinacoteca, prenditi tempo per soffermarti sui particolari dei meravigliosi retabli, antiche pale d’altare di tradizione ispanica, realizzati dal Maestro di Castelsardo e dalla bottega cagliaritana di Pietro Cavaro. Mani esperte di artigiani hanno impresso sul legno storie di santi con decorazioni raffinate e colori vivaci.

Il primo corposo nucleo espositivo fu integrato con varie donazioni, tra cui una collezione etnografica, comprendente splendidi tessuti e arredi, ceramiche, armi e un acquamanile bronzeo a forma di volatile (del XII secolo), simile a un esemplare del Louvre di Parigi. Altre due sono le esposizioni permanenti: il museo delle cere anatomiche Clemente Susini e il museo siamese Stefano Cardu, i cui pezzi pregiati ti accompagneranno in un viaggio virtuale in Oriente.

La Cittadella ospita tutto l’anno mostre temporanee, convegni ed eventi culturali. Al suo interno troverai aree verdi per soste rilassanti e ammirerai dall’alto i panorami di Cagliari. Una visita che ti sembrerà (e vale) un viaggio!