Un lembo di Sardegna che infonde la sensazione di continuità fra terra e mare. Nell’area protetta della penisola del Sinis e dell’isola di Mal di Ventre, istituita nel 1997 ed estesa circa 26 mila ettari nel territorio di Cabras, un variopinto campionario di ambienti terresti e lacustri degradano dolcemente verso spiagge e scogliere. A sud, la fascia costiera parte dal promontorio di Capo san Marco, si sviluppa con le rocce e la sabbia morbida di san Giovanni di Sinis e la sabbia quarzosa di Mari Ermi, Is Arutas e Maimoni, fino alle falesie di su Tingiosu. Poco sotto Capo Mannu, limite a nord, troverai le Saline e la spiaggia di Putzu Idu. I granuli di quarzo delle ‘perle costiere’ sono originati dal disfacimento delle rocce: una storia iniziata 600 milioni di anni fa a Mal di Ventre.

L’isola, insieme allo scoglio del Catalano, collegati da un tavolato granitico colorato dal corallo, sono un ‘santuario della natura’, dove nidificano volatili marini e vivono tartarughe e cetacei. Fondali sabbiosi e praterie di posidonia sono popolati da pesci, molluschi e crostacei: paesaggi sommersi ideali per snorkeling e fotografia subacquea, anche grazie alla presenza di relitti di ogni epoca: navi romane, spagnole e del XX secolo, tra cui un’oneraria di 36 metri affondata tra 80 e 50 a.C. con duemila lingotti di piombo.

Nelle zone ‘aperte’ sono consentite navigazione e immersioni. Nell’immediato entroterra le dune di sabbia lasciano spazio agli stagni di Cabras, ecosistema palustre tra i più grandi e produttivi d’Europa, popolato da fenicotteri rosa. Nell’area marina potrai praticare pescaturismo su barche artigianali o navigare a vela sulle rotte dei fenici. Il Sinis, grazie al maestrale, è ideale anche per kyte e wind surf tutto l’anno. Oppure farai esperienze rilassanti a contatto con la natura, a piedi e in bici.

Per ripercorrere preistoria e storia del Sinis, dirigiti nell’estremità meridionale, a Tharros: fu villaggio nuragico, colonia fenicia, porto cartaginese, città in età romana, capoluogo in età bizantina e, infine, prima capitale del giudicato d’Arborea. Nel museo di Cabras, assisterai a una delle scoperte archeologiche più straordinarie: le statue dei Giganti di Mont’e Prama (VIII secolo a.C). Da visitare anche l’ipogeo di san Salvatore, meta da sempre di una singolare processione a inizio settembre: la Corsa degli Scalzi, una delle feste più suggestive dell’Isola.