Cala dell'Argentiera si affaccia in uno scenario suggestivo di archeologia industriale, formato dagli stabilimenti della miniera dell'Argentiera, nel corso dei secoli sfruttata per le sue ricche riserve di piombo argento e zinco. Il villaggio minerario, chiuso nel 1962, rende l'atmosfera della bella cala particolare, la sabbia è mista a ghiaia e polveri minerali. Il mare è straordinariamente limpido e cristallino: i suoi luccichii contrastano con le rocce brune che fiancheggiano la spiaggia, generando uno spettacolare gioco cromatico.