Poco a largo di una spiaggetta di Palau l’ammiraglio Nelson, a bordo della sua Victory, attese a lungo i movimenti della flotta nemica francese. Quando essa salpò da Tolone per incrociarlo da queste parti, partì un inseguimento terminato solamente con la storica battaglia di Trafalgar. Quell’insenatura protagonista di battaglie navali, seppure gli echi legati alle vicende delle flotte imperiali siano lontani nel tempo, ricorda l’ospitalità data al comandante inglese ed è a lui intitolata. La spiaggia di Nelson è un tranquillo e riparato arco di sabbia lungo circa 80 metri, incastonato tra scogliere di granito e contornato alle spalle dal rigoglioso verde mediterraneo che arriva quasi a lambire la riva. Un suggestivo paesaggio le si staglia di fronte, dal mare turchese con riflessi verde smeraldo si innalza all’orizzonte il profilo occidentale dell’isola di santo Stefano. Volgendo lo sguardo a sinistra ammirerai la costa sud-ovest dell’isola di La Maddalena. La sabbia di ‘Nelson’ ha un caratteristico colore ambrato, a grani medio-fini, accompagnata da qualche roccia arrotondata dall’azione levigante del vento. La trasparenza dell’acqua rende la spiaggia una meta ideale per gli appassionati di snorkeling, mentre un pontile in legno è attracco per i natanti, ma anche piattaforma per i tuffatori.

Il litorale giace al tratto di costa palaese che si estende fino a Punta Sardegna. Verso nord la prima spiaggia che incontrerai incornicia il pittoresco villaggio di Porto Rafael, borgo turistico che si sviluppa attorno a una piazzetta e si compone di case bianche e colorati giardini. Dal suo porticciolo partono emozionanti escursioni verso le isole del parco nazionale dell’arcipelago della Maddalena. A sud di Nelson, invece, una profonda baia ospita La Sciumara, ‘foce’ in gallurese, caratterizzata da sabbia color crema, un bosco di lecci e macchia mediterranea alle spalle e la foce di un fiume sul limite destro. Verso est ammirerai il paesaggio ‘nordico’ di Porto Faro e, a meno di tre chilometri dal centro abitato di Palau, il monumento naturale simbolo del paese: la Roccia dell’Orso. In direzione Santa Teresa Gallura non perdere s’Isuledda o Isola dei Gabbiani, che in realtà è una penisola collegata da una striscia di sabbia chiara, ai lati della quale si estendono le spiagge di Porto Pollo e l’Arenaria, paradisi dei kitesurfer e windsurfer.