È la spiaggia prediletta dagli olbiesi, distante circa otto chilometri dal centro abitato, sulla strada che porta a Golfo Aranci. Nota anche col nome di Puntale Lungo, La Playa di Pittulongu è una splendida ed estesa ‘mezzaluna’ di sabbia molto fine e candida alternata a tratti di piccole conchiglie, specie vicino alla riva, incastonata tra le punte Muriscinu e Filiu. Il fondale è basso e digrada dolcemente, perfetto per famiglie con bambini. Nell’arenile ci sono impianti balneari che ti offriranno tutti i servizi utili: strutture accessibili a diversamente abili, ampio parcheggio, noleggio attrezzatura da spiaggia, patini e natanti. Caratteristici sono bar e ristoranti con vista sull’imponente isola di Tavolara, che si affacciano sulla spiaggia, molto frequentata da appassionati di windsurf, immersioni e snorkeling.

La Playa è la prima e più frequentata spiaggia del Lido di Pittulongu. Accanto si trova la spiaggia dello Squalo, separata da una piccola lingua rocciosa. Oltre troverai il Pellicano, distesa di sabbia molto simile alla Playa ma molto più piccola con piccoli scogli affioranti. Più avanti, sempre a piedi, raggiungerai Mare e Rocce, con un fondo di sabbia chiara e sottile. Più a nord, al confine c’è Bados, un arenile molto vasto con sabbia soffice delle tonalità grigio-ocra.

La costa di Olbia comprende anche altri lunghi tratti. A nord, in direzione Costa Smeralda, ci sono tante ‘perle’ di sabbia bianca (o piccoli ciottoli) e mare cristallino della Marinella, di Porto Rotondo, della Marina di Cugnana e di Portisco, tra cui sa Rena Bianca. A sud, lungo la panoramica statale 125, in direzione San Teodoro, troverai in sequenza le spiagge di sabbia color giallo-ocra di Lido del Sole, Le Saline, Bunthe, Li Cuncheddi, le quattro splendide cale di Porto Istana, che rientrano nell’area protetta di capo Coda Cavallo, e infine Punta Corallina, al confine con Loiri Porto san Paolo.