vuoto

Intreccio

Lavorazione dei cesti in asfodelo - Autore: Picozzi Egle

La Sardegna, grazie all'abbondanza delle materie prime, come l'asfodelo, il giunco, la palma nana e la paglia, si rivela terra ideale per i lavori d'intreccio e per la confezione di ogni tipo di contenitori rustici. Questa lavorazione è stata, sin dai tempi della preistoria, una delle principali attività dell'uomo, sia per la facilità del reperimento dei materiali, sia per l'impegno tecnico richiesto. L'oristanese è l'area della Sardegna più importante per la lavorazione della cestineria tradizionale. La zona si trova in un territorio ricchissimo di stagni, dove crescono le piante che forniscono le materie prime per la lavorazione di cesti, canestri e corbule, sapientemente intrecciati dalle artigiane del posto. Sono infatti le erbe palustri locali a prendere forma fra le abili dita delle donne che custodiscono i segreti di quest'antica arte. Nell'ambito della vita rustica della Sardegna le abitazioni dei pastori, dei contadini, degli artigiani, erano estremamente povere di mobili, ma ricche di oggetti di cestineria. Questi contenitori, indispensabili per i diversi usi e per le diverse operazioni di accumulo e di trasformazione degli alimenti, erano esposte sulle pareti o su ripiani. L'artigianato isolano della cestineria continua intanto con successo la produzione di tutto il campionario dell'antico corredo agro-pastorale sia per l'approvvigionamento del mercato interno, sia per la fornitura di manufatti particolari molto richiesti nell'arredamento moderno. La lavorazione comincia con un ordito a spirale sul quale viene avvolta la pagliola o la paglia di grano, cucendola punto per punto con un ago di ferro, come prescrive la tecnica sarda cosiddetta "a spirale". Nei cestini, di forme differenti a seconda dell'uso cui sono destinati, le artigiane intrecciano pagliola colorata e realizzano straordinari disegni, principalmente nei toni del rosso, del nero, del blu e del verde. I motivi della tradizione con cui sono abbelliti questi oggetti sono le rose oppure la stella, che viene realizzata nella parte centrale del cesto e arricchita, fra le punte, con altri motivi decorativi. Molto belli e ricercati anche i cesti che sul fondo recano una pezza circolare di broccato colorato.

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
21.01.2017
Dal 18.12.2016 al 26.02.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.01.2017 al 22.01.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
21.01.2017
Dal 28.12.2016 al 09.04.2017