I mari del sud, acqua caraibica e anima africana

Capo Malfatano

I mari del sud, acqua caraibica e anima africana

Sole splendente, cielo terso e paesaggi tropicali. Da Capo Carbonara, attraverso il Golfo degli Angeli, sino a Teulada: un paradiso di spiagge isolate e baie contornate da macchia mediterranea
i colori del mare riflettono le tonalità azzurre del cielo

Distese interminabili di sabbia bianchissima si alternano a promontori granitici a strapiombo su acque cristalline e dalle mille tonalità. Il sud Sardegna è tutto contornato da baie con piscine naturali dove trascorrere giornate scandite dalle attività che il mare offre ai visitatori. A partire dal mondo sommerso, per gli amanti del diving e dello snorkeling, ma anche per gli appassionati del relax che ricercano panorami unici ed esclusivi. Luoghi nascosti e isolati dove stendersi sulla sabbia, godersi il massaggio della risacca, camminare sul bagnasciuga, immergersi e nuotare in acque limpide e poi rilassarsi sotto l’ombrellone o in una pineta vicina.

Punta Is Molentis - Villasimius
Golfo degli angeli Solanas
attratti magneticamente da spiagge candide

L’area marina di Capo Carbonara è l’estrema punta sud-orientale dell’Isola, trasuda bellezza e suggestione, impreziosita dalle isole di Cavoli e Serpentara. Per ammirarla è d’obbligo un soggiorno nell’accogliente Villasimius, ‘perla’ del sud-est grazie alle sue spiagge candide, come Cala Giunco, Cala Caterina, Punta Molentis, la spiaggia del Riso, Simius e Campus. Da qui iniziate un lungo itinerario di circa 50 chilometri sino a Cagliari e quasi magneticamente sarete costretti a fare tante soste nelle cale di Solanas, Torre delle Stelle, Geremeas e Mari Pintau, cioè‘mare dipinto’... Il nome dice tutto!

Tueredda
un lungomare interminabile perfetto per tutte le stagioni

Poi scoprirai il litorale del Poetto, che unisce Cagliari e Quartu Sant’Elena, una delle più lunghe spiagge cittadine del Mediterraneo: dodici chilometri di sabbia finissima, incorniciata dallo splendido golfo degli Angeli, che deve il suo nome all’arcaica leggenda della lotta tra il bene e il male. È dominato dal promontorio della Sella del Diavolo, sul quale è consigliato fare un’affascinante escursione guidata notturna e aspettare le prime ore del giorno per contemplare il volo dei fenicotteri, che da decenni hanno scelto il parco di Molentargius e le Saline come habitat dove nidificare.

fenicotteri
Sella del diavolo e spiaggia del Poetto - Cagliari
sabbia finissima, chicchi di quarzo, ciottoli scuri...

Da Cagliari a Pula, dove sono immancabili le visite alle vestigia fenicio-puniche e romane nella spiaggia di Nora e al litorale di Santa Margherita, e poi alle splendide spiagge di Chia e Teulada: Cala Cipolla, su Giudeu e sa Colonia, perfette per gli appassionati di kyte surf, e le incantevoli Tuerredda, Porto Tramatzu, Capo Malfatano e Cala Zafferano. Decine di insenature con spiagge incantevoli, ognuna con le sue caratteristiche: sabbia finissima e bianca, ciottoli tondi e levigati, chicchi di quarzo, simili a riso. Le opzioni sono infinite. Così come i colori del mare che riflettono quelli del cielo: dal blu profondo al turchese, passando per azzurro, celeste e verde smeraldo.

Protagonisti in quest'articolo

Attrazioni e località citate

Potrebbero piacerti anche

Altri articoli che potrebbero interessarti