Fotografia

Max Leopold Wagner – Fotografie della Sardegna di un linguista antropologo

25 Maggio - 30 Settembre
Max Leopold Wagner – Fotografie della Sardegna di un linguista antropologo (locandina)

Dal 25 maggio al 30 settembre 2018 il Museo del Costume di Nuoro ospita Max Leopold Wagner – Fotografie della Sardegna di un linguista antropologo.
L’esposizione, voluta e patrocinata dall’Isre (Istituto Superiore Regionale Etnografico) e dalla casa editrice Ilisso, è un omaggio all’incommensurabile amore, fermamente ricambiato, di Max Leopold Wagner per la Sardegna. L’antropologo linguista con la sua opera non solo portò alla luce gli aspetti più importanti dell'idioma isolano, ma ne ritrasse alcuni momenti irripetibili.
La Sardegna in ottanta scatti, o meglio, in ottanta “punti”: ottanta immagini che rappresentano il mondo agro-pastorale sardo, l'Isola (che non c’è) vista dall’occhio di Max Leopold Wagner, “il padre della linguistica sarda”.

Da queste fotografie emerge un invisibile, che ci guarda e agisce sulla nostra memoria. Spostandosi a cavallo o in bicicletta, Wagner soggiornò praticamente sull’intero territorio regionale in ripetuti viaggi dal 1905 al 1927 ed ebbe modo di ribaltare tanti luoghi comuni intorno ai sardi, comprendendo e descrivendo gli isolani con acutezza (padroneggiava il dialetto cagliaritano e amava l’armoniosità e l’arcaicità di quello delle Barbagie).
La sua tipologia di approccio fotografico è di natura documentale: immergersi il più a lungo possibile nel sociale più primitivo, fra la gente che non avesse «un certo grado d’istruzione», intercettando nel linguaggio la «struttura sintattica della frase», sentendo con essa il pensiero, arrivando quindi in profondità ai caratteri coi quali entrava in contatto.

Tappe

Nuoro

25 Maggio - 30 Settembre

Contatti

Telefono
+39 0784 232094

Nelle vicinanze