All'interno il cortile selciato è attraversato da una canaletta che parte da un'antica fontana, toccando i materiali tipici dell'opera dello scultore e quindi terra, pietra, calce, cemento. L'edificio è una semplice costruzione con aperture ad arco che si ripetono nei quattro lati della pianta rettangolare, realizzati nella tipica pietra locale. Il terso e luminoso interno è coperto con capriate lignee a vista ed ha un vano unico, dove in luogo delle antiche vasche è esposta una antologia dell'opera dello scultore oranese, compresa tra il 1960 e il 1988.