Silanus dista circa 40 km da Nuoro, lungo la SP 6 a pochi km da Bortigali. La chiesa di San Lorenzo protomartire è ubicata nella periferia alta del paese. Il contesto ambientale Silanus si trova nel cuore della Sardegna, nel Marghine, in prossimità del Monte Arbu e di numerosi corsi d'acqua, tra cui il Riu Bidiene. Il territorio è ricco di documentazone archeologica soprattutto di età nuragica. A breve distanza dall'abitato sorgono il nuraghe e la chiesa di Santa Sabina. Il sito della chiesa di San Lorenzo corrisponde invece a una cava di calcare ancora parzialmente attiva. Descrizione Non sono state finora rintracciate attestazioni documentarie sulla data di erezione della chiesa di San Lorenzo di Silanus, che per via dei suoi caratteri formali rimanda alle maestranze cistercensi attive nell'abbazia di Santa Maria di Corte attorno alla metà del XII secolo. La chiesa è ad aula unica, con abside a E e copertura lignea, ed è interamente realizzata in scura pietra vulcanica. Una serie di monofore e una luce cruciforme nel frontone E lasciano penetrare la luce nell'aula. Robuste paraste angolari rinserrano i prospetti. La facciata, conclusa da campanile a vela, ha portale architravato sormontato da un arco di scarico a sesto acuto. A metà dello specchio corre una cornice orizzontale sotto cui si trovano sette archetti su peducci variamente lavorati, che continuano nei fianchi e nell'abside. All'interno si conservano lacerti di affresco ascritti alla prima metà del XIII secolo.