La città, il cui primo nucleo risale a epoca romana, fino al XVII secolo era uno sparuto gruppo di casette raccolte intorno alla chiesa settecentesca di santa Maria, dedicata alla Madonna della Neve. Nella primavera del 1962 il principe Karim Aga Khan IV diede vita al consorzio Costa Smeralda con l’obiettivo di valorizzare al meglio le bellezze naturalistiche dell’area intorno ad Arzachena. Il suoi territorio comprende in tutto 55 chilometri di costa, da Liscia Ruja a Liscia di Vacca: qui in breve tempo creò una rete internazionale di turismo di lusso.

Fra le meraviglie della zona, da non perdere le calette di Lu Multiccioni e di Li Capanni, dalle acque turchesi, o la lunga spiaggia di Tanca Manna, il cui litorale chiaro e di sabbia setosa fa risaltare ancor di più l’azzurro del mare. Oppure rimarrai estasiato dall’atmosfera caraibica di cala Capriccioli, o dall’anima selvaggia di Capo Ferro, promontorio impreziosito da un faro bianco e rosso.

Oggi, con le sue piazzette di pietra e i suoi scorci fioriti, Arzachena è un trionfo di colori. Granito rosa e pietre bianche sono solo alcuni dei materiali che caratterizzano l’architettura delle case. Ovunque spazi verdi e locali, all’interno dei quali potrai trovare boutique curate, delizie tipiche sarde e artigianato locale.

Non perdere le luci soffuse delle notti a Porto Cervo, la più famosa frazione di Arzachena, porto turistico fra i più attrezzati approdi vip del Mediterraneo, lussuose ville e la famosissima e animata piazzetta delle Chiacchiere, si è consacrata centro della vita estiva notturna in Sardegna.

Non solo mare, divertimento e mondanità, se ami l’archeologia, nei dintorni non perdere la tomba dei giganti di Li Lolghi, tra le più belle e celebri dell’Isola.