Cannonau e campi 100 anni

Vino Cannonau

Cannonau e campi 100 anni

In vino veritas? In Sardegna la verità sta nella longevità del cannonau, il vino con una ‘genealogia’ autoctona che risale a più di tremila anni fa
elisir di lunga vita

Rosso rubino, inebriante, normalmente invecchiato da due a sei anni e con una gradazione alcolica mai inferiore a 12,5 per cento. Un vino morbido e robusto, che si accosta perfettamente alla cacciagione e ai sapori forti della cucina isolana, specie a formaggi come il pecorino. In tema di sana e lunga vita la Sardegna ha moltissimo da offrire e il cannonau è parte della sua ricetta segreta.

Uva cannonau
Prodotti tradizionali - Desulo
longevità: genetica, ambiente, società e... alimentazione

La longevità dei sardi è genetica, ma non solo. Secondo studi in merito, potrebbe derivare anche da una combinazione unica di fattori ambientali e sociali, tra cui non ultima l’alimentazione, che da millenni si basa (e si tramanda) su prodotti sani e genuini. Alla dieta locale contribuisce il cannonau, vero e proprio elisir di lunga vita, che contiene il triplo di anti-ossidanti di altri vini rossi e garantisce benefici al sistema cardiovascolare quasi dieci volte superiori rispetto alle varietà di vino coltivate nelle altre regioni italiane.

Cannonau vitigno
D’Annunzio ne scrisse nella prefazione a ‘Osterie d’Italia’ di Barth

Un vino ben noto anche a Gabriele D’Annunzio che ne ha scritto nella prefazione alla guida ‘Osterie d’Italia’ di Hans Barth. Ad essa si deve la prima conoscenza, al di fuori dell’Isola, del cannonau. A Oliena il vate fu accolto come ospite e assaporò il ‘nettare’nella sua versione intensa del Nepente: “Non conoscete il Nepente di Oliena neppure per fama? (...) Io son certo che, se ne beveste un sorso, non vorreste mai più partirvi dall’ombra delle candide rupi...”

vigneto - mandrolisai
un’esperienza inebriante lungo le Strade del Cannonau

Chi vuole accompagnare la lettura all’esperienza sul campo non dovrebbe perdere l'occasione per visitare il Nuorese, la Barbagia, il Supramonte, il Mandrolisai e l’Ogliastra, dove le coltivazioni di quest’uva a bacca nera sono più abbondanti: piccoli suggestivi tesori di una terra ricca di sapori e profumi. Passeggiare in scenari mozzafiato tra il Gennargentu e il Supramonte non solo nobilita lo spirito ma gratifica anche il palato ed è occasione per scoprire le note forti dei vitigni locali: la Strada del Cannonau è un itinerario ideale sia per tutti, dalle famiglie in vacanza alle giovani coppie in fuga dalla città.

Protagonisti in quest'articolo

Attrazioni e località citate