vuoto

Ulassai

Ulassai sorge nel cuore dell'Ogliastra. Il paese è noto per le grotte di Is Lianas e Su Marmuri, tra le più estese in Europa. È circondata dai caratteristici tacchi rossi calcarei-dolomitici, come il Tisiddu.
Il territorio di Ulassai è stato abitato fin da epoca nuragica, come testimoniano le tracce di tombe dei giganti, domus de janas e costruzioni nuragiche in ottimo stato di conservazione. Fra queste sono comprese S’Ulimu, Trucculu, Ibbe de su Accili, Pranu, Nuragheddu e molti altri.
Il paese ha un’economia tipicamente agro pastorale. Tutta la zona è conosciuta per la produzione di ottimi vini Cannonau della Valle del Pardu, così come per il miele amaro di corbezzolo. Piatto tipico di tutto l’Ogliastra sono i culurgiones a ispighitta, sorta di ravioli con ripieno di menta e patata. A tutte questo si affianca un’apprezzata produzione di salumi.
Il paese è molto apprezzato anche per la produzione tessile.
A Ulassai si trova un museo molto particolare. Si tratta del Museo d’arte contemporanea a cielo aperto, nel quale viene raggiunta un’armoniosa fusione fra architettura cittadina, natura e opere d’arte. A questo museo si affianca la Stazione dell’Arte, altro Museo d’Arte contemporanea, che custodisce le opere della pittrice di fama internazionale Maria Lai.
Agli appassionati di archeologia è consigliata una visita ai molti siti della zona, dove è possibile vedere nuraghi, delle tombe dei giganti e delle domus de janas.
Nei pressi dell’area Santa Barbara si ammirano le spettacolari cascate Lequarci.
Dietro prenotazione si possono compiere visite guidate all’interno del Parco Eolico, il più importante in Sardegna, presso la località Larenzu.
Il comune di Ulassai, attivo nella conservazioni della poesia tradizionale, ha dato vita al progetto Ichnussa, l’unica biblioteca digitale dedicata alla poesia in lingua sarda. Le opere sono consultabili e scaricabili liberamente.
Le rocce calcaree dei Tacchi rappresentano poi un’occasione per gli appassionati degli sport estremi. È possibile praticare il Motocross e soprattutto il free climbing: i Tacchi dell’Ogliastra attirano appassionati sia dall’Italia che dall’estero. Le arrampicate sono possibili dall’inizio della primavera sino ad autunno inoltrato.

Nelle vicinanze

Opera di Maria Lai [foto Alinari, Piscedda Odilia]
musei
Nella zona periferica di Ulassai, su un isolato e vasto...
Osini, nuraghe Serbissi
paesi
  Nato nel 1951 al centro dell'Ogliastra come ricostruzione...
Ulassai, grotta di Su Marmuri: gallerie speleo turistiche
grotte montagna
Ad un solo chilometro dal paese di Ulassai, in Ogliastra,...
Osini, Scala di San Giorgio
aree protette
Lungo le pareti che delimitano ad est l’ampio tavolato...
sorgenti e cascate
A coronamento di Ulassai in Ogliastra si ergono i maestosi...
Panoramica delle rovine di Gairo vecchia
paesi
Gairo Sant'Elena, ubicato sul versante di una ripida gola,...
Osini, complesso di Serbissi
aree archeologiche
L'area archeologica è situata nell'altopiano del Taccu di...
Lanusei, tomba di giganti di Selene
aree archeologiche
L'area archeologica si trova all'interno di un bosco di...
foresta bingionniga jerzu
foreste
La foresta demaniale di Bingionniga è situata nella parte...
Dal 16.04.2016 al 26.06.2016
Dal 30.06.2016 al 03.07.2016
Dal 27.07.2016 al 30.07.2016
Dal 18.06.2016 al 19.08.2016
Dal 06.03.2016 al 15.07.2016
Dal 22.04.2016 al 03.07.2016
Dal 25.06.2016 al 26.06.2016
26.06.2016
Dal 05.07.2016 al 17.07.2016