vuoto

Thiesi

Thiesi, panorama del paese

Thiesi si adagia su un basso pianoro calcareo alle pendici orientali dell'altopiano "Su Montiju".La presenza dell'uomo risale almeno al periodo neolitico, mentre l'abitato nasce durante la dominazione romana, modificando nel corso dei secoli il suo impianto urbanistico, sviluppatosi in due zone distinte: la prima attorno alla chiesa di Santa Vittoria, la seconda attorno alla seicentesca chiesa di Sant'Antonio. Fino a poco tempo fa la forma del paese ricordava quella di un triangolo, ai cui vertici erano posti il santuario della Madonna di Seunis, il convento con la chiesa di San Sebastiano e la chiesa di San Giovanni in Badde Serena. Secondo una leggenda questi santi protettori impedirono la penetrazione nell'abitato della peste e del colera propagate da due diavoli, mentre i paesi vicini ne furono contagiati.  

 

L'etimologia del nome dovrebbe risalire all'aggettivo sardo "tiesu", che significa disteso o esteso, mentre lo storico G. Spano la faceva derivare dal termine fenicio "bethiezi" (casa della mia fortezza), ma molti ritengono l'ipotesi inverosimile. Secondo alcune fonti Thiesi sarebbe stata fondata dagli Ebrei deportati in quest'area dai Romani. Partendo dal centro del paese, sulla via principale, si trova la chiesa parrocchiale di Santa Vittoria, un bellissimo esempio di gotico-aragonese eretto all'inizio del Cinquecento. Tipicamente gotico è il bel rosone, mentre di gusto più classico sono la raffinata decorazione e il portale architravato, i cui rilievi presentano accenti popolareschi. Altra chiesa da visitare è quella di Sant'Antonio da Padova, realizzata intorno al 1650, fulcro attorno al quale si è sviluppato il secondo impianto urbanistico del paese. Qui tutti gli anni viene recitata "sa treighina". Sempre all'interno del paese è possibile ammirare, nell'edificio della scuola media, un murale del grande pittore sardo Aligi Sassu, che proprio a Thiesi visse per alcuni anni e aprì uno studio. Il murale ricorda "s'annu de s'attaccu" (l'anno dell'assalto, cioè il 1800) delle truppe del signore del paese, il duca dell'Asinara, contro gli abitanti che si erano rifiutati di pagargli i tributi. Nella periferia dell'abitato sorge poi, su uno spuntone di roccia che domina la valle del rio Molinu, il santuario della Madonna di Seunis, meta di pellegrinaggi mariani. Il santuario fu costruito nel Settecento con successivi rimaneggiamenti. Secondo la tradizione un contadino, mentre arava il suo campo, trovò una cassetta al cui interno era custodita la statua di una Madonna. Dopo la scoperta il contadino, incoraggiato dalla popolazione del villaggio, offrì il suo campo alla Madonna e iniziò la costruzione del santuario.

 

La statua oggi si conserva nella chiesa all'interno di un tronetto ottocentesco. La festa della Madonna di Seunis viene celebrata l'8 settembre e richiama un gran numero di fedeli. Ultima chiesa che consigliamo di visitare è quella di San Giovanni, che si trova in una meravigliosa vallata ricca di vegetazione e raggiungibile grazie a delle scale ripide in pietra. La festa viene celebrata il 24 giugno ed è organizzata dai giovani di Thiesi. Caratteristico è il cosiddetto "fogarone de Santu Giuanne", un grande falò che viene acceso la sera del vespro. Poco fuori Thiesi è possibile raggiungere in auto gli ipogei di Mandra Antine, delle domus de janas datate al III millennio a.C., che prendono il nome dalla tomba più famosa, detta anche la "tomba dipinta" e caratterizzata da decorazioni ad affresco dagli accesi colori dell'oro, del rosa, del cinabro e del nero. Questa tomba è chiusa da una recinzione, che permette di vedere l'interno attraverso una cancellata; chi volesse entrare deve chiedere la chiavi al comune di Thiesi. Sempre fuori dal paese si trova anche il protonuraghe Fronte 'e Mola o Su Saccu, situato all'estremità di un boschetto di cipressi. Il monumento è nascosto dalla vegetazione e pertanto è poco visibile da lontano. Per chi desiderasse un viaggio nei sapori del Meilogu, Thiesi offre tutta una serie di piatti succulenti che vanno dalle "impanadas", piccoli timballi di pasta ripieni con carne di maiale aromatizzata con noce moscata e zafferano, a "su succu", un primo fatto con la semola di grano duro e la fregola cucinati nel sugo o nel brodo, a "su ghisadu", ossia carne d'agnello fatta cuocere nel sugo di pomodoro.

Nelle vicinanze

Thiesi, panorama del paese
paesi
  Thiesi si adagia su un basso pianoro calcareo alle...
Borutta panorama del paese
paesi
Il territorio di Borutta è compreso tra i 389 e i 730 metri...
Bonnanaro, La vallata su cui sorge il paese
paesi
Bonnanaro è un piccolo paese situato nella vallata tra il...
Torralba, nuraghe di Santu Antine
paesi
Torralba è un centro agricolo del territorio del Meilogu....
Torralba, museo del Meilogu
musei
Il museo, in via di completamento, è di natura etnografica...
aree archeologiche
Al centro della piana di Cabu Abbas, nel Meilogu, si...
Giave, nuraghe Oes
paesi
  Il paese sorge sulla sommità di un altopiano basaltico a...
Mores, dolmen Sa Coveccada
paesi
Mores, importante centro agro-pastorale, è situato ai piedi...
Bonorva, fonte sacra Su Lumarzu
paesi
Il paese di Bonorva, sviluppatosi dopo la fine dell'età...
Dal 02.09.2016 al 18.12.2016
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 03.12.2016 al 20.01.2017
Dal 03.12.2016 al 20.01.2017
Dal 17.12.2016 al 18.12.2016
Consulta il programma dell'evento
Dal 09.12.2016 al 12.12.2016
Dal 30.10.2016 al 18.12.2016
Dal 01.10.2016 al 29.12.2016