vuoto

Ispinigoli

Subito dopo l'uscita di Dorgali, nella rinomata località di Ispinigoli si può far visita alla famosa grotta, conosciuta e apprezzata da migliaia di turisti che ogni anno si recano nella zona.

La grotta di Ispinigoli si contraddistingue per la presenza di una lunga colonna alta circa 38 m (una tra le più imponenti a livello europeo), che unisce la volta alla base della grotta. In epoca passata veniva utilizzata come rifugio.

L'entrata nella grotta trasporta il visitatore in un ambiente eccezionale, per la presenza delle concrezioni somiglianti a grandi colonne vicine alle pareti, per la contrapposizione delle piccole stalagmiti, davvero minuscole rispetto alla stalagmite principale, e per l'impatto, infine, delle numerose concrezioni ondulate. I colori delle concrezioni e delle pareti offrono giochi di chiaroscuro di raro fascino, intensificato dalle emozioni provate nella discesa della scala che, sfiorando le formazioni di calcare giallastro, di forme e sfumature diverse, raggiunge il fondo della grotta, alla base dell'enorme colonna. Eccezionale è l'interesse della voragine dal punto di vista storico: il ritrovamento di resti umani di ridotte dimensioni, di anelli, monili e simboli solari hanno rivelato l'esistenza nella grotta di un pozzo sacrificale fenicio.

Fino a pochi decenni fa veniva utilizzata dai locali pastori per ripararsi e mettere a ricovero il gregge in alcuni periodi dell'anno. All'interno della grotta la temperatura è pressoché costante intorno ai 15 gradi durante tutto l'anno.

Per visitare tutta la grotta sino alla profondità della colonna è necessario scendere 280 gradini. Una delle particolarità di Ispinigoli è il cosiddetto "Abisso delle Vergini". Così denominato per via della sua struttura difficilmente accessibile. Si tratta infatti di un profondo e stretto imbuto che mette in comunicazione le diramazioni sotterranee della grotta, che si sviluppa per circa 12 km.

All'interno sono presenti numerosi fiumiciattoli e ruscelli che si ramificano per tutta la lunghezza della grotta. Questa parte della grotta è aperta solo a speleologi esperti.

 

Come arrivare

Si parte da Dorgali (NU), in direzione Orosei (NU), percorrendo la SS 125, al km 209,400 si gira a destra per la gotta di Ispinigoli.

Informazioni

Nei pressi delle Grotte è presente un albergo e un ristorante rinomato, dove si può gustare la cucina tipica sarda. Sono inoltre presenti dei parcheggi e una sorgente d'acqua calda dove è possibile immergersi. Per qualsiasi informazione in merito alla grotta è possibile rivolgersi al Comune di Dorgali al numero 0784 927200.

Nelle vicinanze

grotte montagna
Subito dopo l'uscita di Dorgali, nella rinomata località di...
Dorgali, Museo S'abba frisca: particolare dell'interno
musei
Il Museo, di proprietà privata, è situato all'interno di un...
Dorgali, Casa Masuri
paesi
.
Dorgali, complesso dell'Arvu
aree archeologiche
Il villaggio è localizzato alle pendici del Monte Bardia,...
Dorgali, spiaggia centrale di Cala Gonone
spiagge
L'arenile della spiaggia Centrale, inserito nell'ampio...
Dorgali, spiaggia di Palmasera
spiagge
La spiaggia di Palmasera, nell'ampio golfo di Orosei, ha...
Dorgali, spiaggia di Sos Dorroles
spiagge
L'arenile della spiaggia di Sos Dorroles, inserito nell'...
Dorgali, nuraghe Mannu
aree archeologiche
L'area archeologica è situata su un rilievo basaltico e...
Dorgali, la spiaggia di Ziu Martine
spiagge
La spiaggia di Ziu Martine si trova nella località di...
Dal 17.02.2017 al 21.05.2017
Dal 17.02.2017 al 31.05.2017
Dal 04.02.2017 al 04.06.2017
Dal 05.02.2017 al 04.06.2017
Dal 12.03.2017 al 16.04.2017
Dal 31.03.2017 al 02.04.2017
Dal 24.02.2017 al 02.04.2017
Dal 08.03.2017 al 31.03.2017
Dal 20.02.2017 al 28.04.2017