vuoto

Chiesa di Santa Maria del Regno

Ardara, chiesa di Santa Maria del Regno

Come arrivare

Si lascia la SS 131 allo svincolo per Ardara. Dopo pochi km si raggiunge il centro abitato. La chiesa di Santa Maria o Nostra Signora del Regno sorge in corrispondenza di uno degli ingressi del paese.

Contesto ambientale
L'abitato di Ardara si trova su un pianoro vulcanico alle pendici orientali del Montesanto. Santa Maria del Regno domina la vallata sottostante, ben visibile a chi si diriga verso il paese. A breve distanza si trovano i ruderi del castello giudicale, sede dei re di Torres, al quale la chiesa era annessa.

Descrizione
Santa Maria del Regno risalta agli occhi del visitatore, oltre che per la sua posizione scenografica, anche per il materiale in cui è costruita. Realizzata in basalto, è una macchia scura che si profila sul pianoro vulcanico su cui sorge l'abitato. Fra le più importanti dell'architettura romanica isolana, colpisce per la grandiosità delle sue forme e per il contrasto, all'interno, del nero basalto con l'oro del polittico cinquecentesco collocato sull'altare.
Si tratta di una cappella palatina: costruita vicino al castello di Ardara, questa chiesa rappresentava uno spazio privilegiato dai sovrani del regno di Torres, i quali prestavano giuramento al suo altare, quando venivano insigniti della carica. L'edificio (m 29 x 10, alto 16 m circa) fu iniziato nell'XI secolo e concluso nel 1107, come risulta dall'epigrafe di consacrazione dell'altare maggiore. Ha pianta a tre navate ed è caratterizzata dall'assenza di decorazioni e dall'essenzialità, oltre che dall'imponenza, tutti caratteri tipici del primo Romanico in Sardegna. Nella facciata, divisa in cinque specchi da sottili lesene, si aprono il portale con arco a sesto rialzato, e una bifora. Addossato al fianco N, il campanile, a pianta quadrata, è incompleto a causa di crolli.
All'interno, scandito da pilastri cilindrici che sorreggono arcate, le navate laterali hanno volte a crociera, mentre la navata centrale ha copertura in legno. I pilastri cilindrici ospitano pannelli dipinti con un santo o un apostolo, risalenti al XVII secolo e ricollocati al loro posto in seguito a restauri. Nella parte absidale, unica deroga all'austerità dell'ambiente è il Retablo maggiore di Ardara, polittico degli inizi del XVI secolo.

Nelle vicinanze

Francesco Pinna, Santi Girolamo e Tommaso
musei
È situato nell'Oratorio del Rosario, un edificio domenicano...
Ploaghe, chiesa di Sant'Antonio di Salvenero
paesi
Paese agricolo del Logudoro, sorge in una posizione...
Mores, dolmen Sa Coveccada
paesi
Mores, importante centro agro-pastorale, è situato ai piedi...
Bonnanaro, La vallata su cui sorge il paese
paesi
Bonnanaro è un piccolo paese situato nella vallata tra il...
monumenti
 Santissima Trinità di Saccargia è senz'altro la più nota e...
Borutta panorama del paese
paesi
Il territorio di Borutta è compreso tra i 389 e i 730 metri...
Torralba, museo del Meilogu
musei
Il museo, in via di completamento, è di natura etnografica...
Torralba, nuraghe di Santu Antine
paesi
Torralba è un centro agricolo del territorio del Meilogu....
Codrongianos, chiesa di SS. Trinità di Saccargia
paesi
Situato a 317 m sul livello del mare sui colli del Logudoro...
Dal 20.02.2017 al 28.04.2017
Dal 04.03.2017 al 02.04.2017
Dal 17.02.2017 al 31.05.2017
Dal 17.02.2017 al 21.05.2017
Dal 05.02.2017 al 04.06.2017
Dal 12.03.2017 al 16.04.2017
Dal 24.02.2017 al 02.04.2017
Dal 08.03.2017 al 31.03.2017
Dal 04.02.2017 al 04.06.2017