vuoto

Arbus

Il territorio del Comune di Arbus è uno dei più estesi della Sardegna (il secondo dopo Sassari) e d'Italia. Ha 47 chilometri di costa, che si estendono dalla penisola di Capo Frasca fino a Capo Pecora. Il nome Arbus ha un'etimologia incerta e le ipotesi proposte sono tutte prive di documentazione sicura. Una prima fa risalire il nome ad albus, con allusione al colore bianco della neve che tingerebbe le montagne circostanti o, più verosimilmente, al colore bianco (o quasi) della roccia nuda (priva di vegetazione) che affiora sulla cima delle montagne. Il colore della roccia è in netto contrasto col colore verde intenso della macchia mediterranea e dei boschi che si sviluppano sui versanti. Una seconda ipotesi è riferita ad arburis, per l'abbondanza di alberi che in passato avrebbe caratterizzato il territorio. Debole appare l'ultima possibilità che fa derivare il nome da arabus, con riferimento alle orde barbaresche che un tempo avrebbero invaso le coste.

 

Arbus è famoso per la lavorazione dei coltelli a lama ricurva, arrasoias, che vengono prodotti da artigiani locali. Nei dintorni il borgo minerario abbandonato di Ingurtosu, costruito dalla società francese Pertusola, ex proprietaria delle miniere. Le case, la chiesa e la palazzina della direzione sono circondate dal verde della macchia mediterranea e della pineta. Una strada sterrata scende tra miniere, edifici abbandonati e gigantesche discariche fino a Narcauli con le rovine della caveria costruita nel primo dopoguerra. Un tempo un trenino decauville portava il materiale estratto fino al mare dove veniva caricato sulle navi. Alcuni tratti delle vecchie rotaie con i carrelli si possono vedere sulla spiaggia di Piscinas nei pressi dell'albergo Le Dune, ricavato da un vecchio edificio minerario. Alle spalle una catena di bianche dune, formate dal vento ma ricoperte dal verde della macchia mediterranea. La spiaggia si estende per 9 km verso sud fino a Capo Pecora, mentre a nord lascia posto a una costa rocciosa che prende il nome di Costa Verde. Famose in tutto il mondo sono le località minerarie di Ingurtosu e Montevecchio. Le spiagge della Costa Verde, di Piscinas, di Torre dei Corsari e di Scivu hanno spesso ottenuto il massimo riconoscimento di Legambiente: le 5 Vele. Nel Comune di Arbus si trovano le frazioni di Sant'Antonio di Santadi e di Ingurtosu. La piccola frazione di Montevecchio invece appartienea due amministrazioni comunali: quella di Guspini e quella di Arbus.

Nelle vicinanze

Palazzina della Direzione, Sala Blu
musei
Le miniere di Montevecchio, ricche di piombo e zinco, sono...
Guspini, miniera di Montevecchio
paesi
Importante centro del Medio Campidano, Guspini abbraccia un...
Montevecchio, cantiere Piccalinna: Pozzo San Giovanni
musei
La miniera di Piccalinna, scoperta nel 1874, si estende per...
Gonnosfanadiga, panoramica del paese
paesi
  Gonnosfanadiga sorge sulle pendici orientali del Monte...
Arbus, Monte Arcuentu
montagne
Il massiccio vulcanico del Monte Arcuentu si estende nell'...
Villacidro, le dolci cime del Monte Linas
montagne
L'area montuosa del Monte Linas si erge nel cuore dell'...
Parco Monte Linas
aree protette
Adagiata su un territorio di circa 22.220 ettari, l'area di...
Fluminimaggiore, Tempio di Antas
paesi
  Il paese di Fluminimaggiore nacque nel 1704, quando dopo...
Villacidro, cascata di Sa Spendula
sorgenti e cascate
Nel comune di Villacidro si trovano alcune tra le cascate...
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
Dal 28.12.2016 al 09.04.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 30.11.2016 al 30.04.2017
Dal 08.01.2017 al 31.03.2017
Dal 07.01.2017 al 28.01.2017
Dal 13.01.2017 al 23.12.2017
Dal 21.01.2017 al 08.07.2017