vuoto

Terme

Un regalo speciale ci arriva dall’antichissima storia geologica della Sardegna: le proprietà benefiche delle acque che sgorgano dal sottosuolo. Nonostante siano sfruttate da sempre, le acque termali sarde conservano intatte tutte le loro qualità.
 
Le terme di Sardara (località Santa Maria Acquas, provincia del Medio Campidano) sorgono su un sito frequentato già dal periodo nuragico. Le acque di Sardara sono bicarbonato-alcaline e ipertermali: sgorgano da cinque sorgenti a una temperatura che varia dai 58° ai 60°C. 
L’Hotel Antiche Terme di Sardara, immerso in un bosco di eucaliptus, offre trattamenti estetici e curativi ed è dotato anche di un centro benessere. 
 
Nato per volontà dell’imperatore Traiano, il complesso termale di Fordongianus è situato fra i rilievi della valle del Tirso (provincia di Oristano). L’edificio termale (I – III sec. d.C) è tuttora visitabile.  
Le acque di Fordongianus, sulfuree e ipertermali, sgorgano a 56°C e sono molto apprezzate per la cura di patologie dell’apparato respiratorio, della pelle e delle ossa. Il Sardegna Grand Hotel Terme (vai al sito) è dotato anche di una Spa che offre trattamenti estetici ed ecobio. 
 
Le terme di Benetutti si trovano nell'area termale di San Saturino tra i comuni di Benetutti e Bultei (in provincia di Sassari) e sorgono sulle rovine delle terme di epoca romana. Dalle otto sorgenti sgorga acqua termo minerale fra  34° e 43° C. La composizione solfurea salso-bromo-iodica rende l’acqua ideale per la cura della pelle, dei reumatismi e dei disturbi delle ossa e del sistema circolatorio. Lo stabilimento termale Aurora (link) è immerso in un parco alberato con accesso diretto alle terme e offre anche trattamenti estetici.
 
Sempre in provincia di Sassari, il complesso termale di Casteldoria è situato fra il mare e il fiume Coghinas, in un contesto naturale incontaminato. Il paesaggio incantevole è caratterizzato dal castello dei Doria, testimone della dominazione genovese. L’acqua termale calda, di tipo salsobromoiodico, sgorga dalla sorgente tra i 40 e i 76°C e ha proprietà antisettiche, antinfiammatorie e decongestionanti. Lo stabilimento termale nel quale è possibile approfittare delle proprietà benefiche di queste acque si chiama, appunto, Terme di Casteldoria

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 18.12.2016 al 26.02.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
Dal 29.01.2017 al 30.01.2017
Dal 28.12.2016 al 09.04.2017
Dal 08.01.2017 al 31.03.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017