vuoto

Gioielli

Nell'arte gioielliera e della lavorazione dei preziosi, l'argento è sempre stato il principe dei metalli. Per secoli presente in quasi ogni tipo di lavorazione artistico-artigianale, ha conteso all'oro e alla filigrana il primo posto tra i metalli più richiesti dai laboratori e dai mercati. Questi due metalli nei secoli sono stati accompagnati nella creazione di gioielli a una moltitudine di pietre dure. La fantasia dei maestri orafi li ha anche legati al corallo e da qualche decennio all'ossidiana, pasta di origine vulcanica di colore scuro di cui è ricco il Monte Arci.

La produzione artigianale è destinata sia all'ornamento dei tradizionali costumi, come nel caso di bottoni, orecchini, pendagli, spille, anelli e collane, sia al campo religioso nella lavorazione di croci, medaglie e rosari.

Fra le tecniche di lavorazione, la più accurata ed elegante è la filigrana, che oggi conta ancora un piccolo gruppo di “maestri” del settore. Esemplari di gioielli di straordinaria fattura si realizzano, in provincia di Cagliari, a Quartu Sant'Elena, Villacidro, Iglesias, oltre che nello stesso capoluogo. Documentazione della tradizione millenaria della lavorazione della filigrana è stata ritrovata nelle vestigia della storia sarda: monili realizzati con l'antica tecnica sono stati, infatti, rinvenuti negli scavi archeologici di tutta la Sardegna. Gli accessori del costume femminile erano ispirati ad elementi naturali, a fiori, animali, volatili, astri, o a motivi geometrici, come le spille ornamentali che si appuntavano sul fazzoletto sopra il capo o sulla camicia.

L'ossidiana, invece, riapparsa da poco sul mercato, incuriosisce e stupisce per la sua lucentezza. Dall'Africa alle Americhe, dall'Asia al Mediterraneo, le popolazioni che ne possiedono i giacimenti tramandano da secoli leggende che narrano le proprietà magiche e terapeutiche di questa pietra: in tutti gli angoli del pianeta gli vengono attribuite virtù soprannaturali. Nell'arte orafa, viene utilizzata principalmente come gioiello a pendente.

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
21.01.2017
Dal 18.12.2016 al 26.02.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.01.2017 al 22.01.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
21.01.2017
Dal 28.12.2016 al 09.04.2017