vuoto

Sardegna, non solo mare

L'isola offre numerosissime insenature, altipiani, boschi e una tale varietà di formazioni rocciose paragonabili a quelle presenti nel  Verdon in Francia e nel Parco Nazionale dell'Ordesa in Spagna: località predilette dagli amanti delle vacanze attive.

Fare alpinismo, arrampicare e camminare lungo i numerosissimi sentieri presenti nell'isola, addentrandosi tra scenari unici e incantevoli, possono diventare semplici pretesti e buoni motivi per scoprire luoghi meno visitati e proprio per questo ancora custodi di una forte identità locale che si riflette tra le pieghe dello stesso paesaggio montano,  ancora integro, misterioso e ricco di peculiarità ambientali e di biodiversità uniche in Europa.

La terra del Gennargentu, dei rilievi del Supramonte, delle valli granitiche dell’Iglesiente e della Gallura, della catena dei Sette Fratelli, dei tacchi calcarei e delle scogliere dell’Ogliastra a picco sul mare, cela, nel suo entroterra, centinaia di carrarecce, vie sterrate e sentieri percorribili in 4x4, a piedi e  in mountain bike, avvolti da un'atmosfera rimasta perfettamente inalterata come ai tempi dei primi viaggiatori: “Non vè in Italia quel che vè in Sardegna, né in Sardegna quel che vè in Italia” così nel settecento il gesuita e naturalista Francesco Cetti sintetizzava  il fascino delle specie animali e naturali presenti nell'isola.

Erose dal vento, consumate dalla pioggia, sgretolate dal tempo, le rocce strapiombanti sul mare di Capo Testa (S. Teresa di Gallura) di Masua (Iglesias), di Capo Caccia (Alghero), di Cala Gonone (Dorgali) e dello straordinario monolito dell'Aguglia di Goloritzè (Baunei) o le pareti più interne di Monte Oddeu (Dorgali), del Cusidore (Oliena) e di Su Gorropu (Urzulei – Orgosolo – Dorgali), sono un invitante rifugio per gli appassionati di alpinismo, free climbing, bouldering, vie ferrate e canyoning di tutta Europa.

Inconsueti e spettacolari tour partono dalla valle di Lanaitto ad Oliena e dalla piana del Golgo a Baunei: dalle quali si diramano numerosissimi percorsi di differenti gradi di difficoltà e quindi aperti a tutti gli appassionati di questa particolare tipologia di vacanza.

Per la scarsa presenza di indicazioni cartellonistiche lungo i sentieri isolani, si consiglia di rivolgersi alle numerose cooperative e associazioni locali che sapranno organizzare escursioni di un solo giorno o di un'intera settimana in confortevoli strutture note per la loro calorosa ospitalità e per la capacità di far assaporare i migliori piatti tradizionali.  

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 12.03.2017 al 16.04.2017
Dal 17.02.2017 al 21.05.2017
Dal 17.02.2017 al 31.05.2017
Dal 04.02.2017 al 04.06.2017
Dal 24.02.2017 al 02.04.2017
Dal 08.03.2017 al 31.03.2017
Dal 31.03.2017 al 02.04.2017
Dal 11.03.2017 al 16.04.2017
Dal 20.02.2017 al 28.04.2017